EMANUELE GRAFITTI ALL’HANGAR TEATRI IL 04.03.22

Il chitarrista triestino Emanuele Grafitti, attivo in tanti progetti come 40 Fingers e Canto Libero, propone un live in trio con altri due nomi di punta della musica cittadina: il contrabbassista Simone Lanzi e il batterista Mathias Butul. L’appuntamento è per venerdì alle 20.30 all’Hangar Teatri in via Luigi Pecenco 10, per l’occasione il trio porta sul palco vari generi, dal classico al pop, uniti da un particolare tocco spagnoleggiante, che amano chiamare “crossover flamenco”, ovvero una sonorità ispirata a quella del new flamenco. Grazie alla scaletta elaborata da Grafitti, il pubblico riesce ad avvicinarsi ai ritmi classici del jazz fusi ai suoni e alle melodie dell’Andalusia e del Nord Africa.

Il leader di questo ensemble, di cui è sia compositore che arrangiatore, Emanuele Grafitti, è tra i fondatori dei 40 Fingers, che con le loro rivisitazioni a quaranta dita di brani celebri hanno conquistato il web (e il mondo) a suon di milioni di visualizzazioni. Classe ’92, Grafitti nel 2012 si è diplomato in chitarra classica al Conservatorio Tartini e nel 2015 ha conseguito la laurea di specializzazione in jazz con il massimo dei voti. Ha partecipato a diversi concorsi internazionali di musica classica e jazz, nel 2009 ha vinto il Premio Franco Russo in seno al TriesteLovesJazz, quale miglior talento emergente in ambito jazz. Nel 2010 ha vinto il concorso Porsche Live Giovani&Jazz e in quell’occasione è stato premiato da Lucio Dalla, con cui ha avuto l’onore di salire sul palco per un blues improvvisato. Inoltre, ha già pubblicato a suo nome sei dischi di brani originali e un album di cover, “Guitar Songbook”.

Simone Lanzi e Mathias Butul hanno collaborato spesso assieme, militando nella band Brazos Black Suits e vincendo anche loro, come Grafitti, un’edizione del Premio Franco Russo (nel 2016). Lanzi è insegnante di contrabbasso e basso elettrico, conta collaborazioni con diverse orchestre e artisti come The Leading Guy e Edgar Meis. Butul comincia a suonare la batteria alla Scuola di Musica 55 a soli 4 anni; studia percussioni al Tartini, suona anche chitarra e piano, sviluppa una passione per la composizione e ha perfezionato la sua formazione in Inghilterra.

Elisa Russo, Il Piccolo 3 Marzo 2022  

Articoli consigliati