Quinta edizione del Metal Days di Tolmino in Slovenia, da domani a venerdì prossimo, circa 120 band internazionali che coprono tutte le declinazioni della musica metal divise su tre palchi, possibilità di campeggio e servizi accessori.

MARYLIN-MANSONTra i nomi più attesi: Marilyn Manson; con lui sul palco Paul Wiley alla chitarra, Twiggy Ramirez al basso e Gil Sharone alla batteria per presentare il decimo album della sua carriera «Heaven Upside Down», di imminente uscita. «Chi ha sentito i brani», spiega il controverso artista americano «trova che ricordino “Antichrist Superstar” e “Mechanical Animals” ma con un nuovo approccio. Nella sua natura è un album piuttosto violento».

Lunga la lista delle leggende dell’heavy metal in cartellone: da veterani come i britannici Venom e i Sanctuary di Seattledoro_pesh10, entrambi riuniti in anni recenti a Doro, che, avendo venduto più di 10 milioni di dischi e suonato 2800 concerti in quattro continenti e 60 paesi diversi, merita il titolo di “Regina del rock e del metal” o i Death Angel dalla Bay Area, San Francisco, già presenti con successo all’edizione 2015 con il loro thrash metal o gli Iced Earth, in pista dagli anni Ottanta, influenzati da Iron Maiden, Judas Priest e Kiss convogliati in una visione musicale che dura da trent’anni ed è ora più forte che mai con la mostruosità vocale di Stu Block. Dalla Svezia i re del “viking metal” Amon Amarth e gli Opeth che con l’ultimo album «Sorceress» hanno ampliato ancora gli orizzonti musicali e proporranno un concerto che spazia dai loro esordi dalle radici death metal fino al più recente amore per il progressive rock anni ’70; dalla Norvegia Abbath, il progetto solista del leader dei pionieri del black metal, Immortal.

E poi formazioni più recenti ma molto popolari come i berlinesi Kadavar dal suono psichedelico e stoner o i Blues Pills che, capitanati da Elin Larsson, suonano rock bluesBluespills2014 potente con salde radici nel passato ed influenze dichiarate di Aretha Franklin, Fleetwood Mac, Led Zeppelin, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Cream.

Presenti anche due nomi triestini: la sludge death metal band Grime (in formazione l’ex batterista dei The Secret), e la band nata dalle ceneri dei Gonzales, i Tytus, ottimo esempio di new wave of traditional heavy metal. E da Gorizia gli Overtures, ormai acclamati a livello internazionale come nuove promesse del panorama power/prog. Le altre band italiane in programma: dall’area milanese i Myriad Lights, i romani gothic-doom The Foreshadowing e Vexovoid, sci-fi prog da Siena.

Si parte domani con una giornata di “riscaldamento”, un solo palco, il Newforces stage dedicato alle nuove leve: Tytus, Turbowarrior of Steel, Stortregn, Moros. Domenica sul Newforces stage: Sober Assault, Fractal Universe, Whorion, Myriad Lights.

opeth-band-2016Lunedì 24 sul palco principale (Ian Fraser “Lemmy” Kilmister Stage): alle 22.30 gli headliner Marilyn Manson preceduti da Iced Earth, Loudness, Lost Society, Xandria, Na Cruithne (a partire dalle 16.20). Sul Boško Bursać Stage poco dopo la mezzanotte i Venom Inc., preceduti da Batushka, Absu, Suicidal Angels, Beheaded, Dool, The Crawling, Rapid Force, Hellcrawler, Reverend Hound (dalle 14 in poi). Sul Newforces stage: Nord, Infected Chaos, In The Crossfire, Sasquatch, Omophagia, Fallen Tyrant.

Martedì 25: il Lemmy Stage chiude alle 22.30 con Amon Amarth; a precederli Katatonia, Sanctuary, Krisiun, Visions of Atlantis,kadavar Dead End. Sul Boško Bursać Stage: Kadavar, MGLA, Firespawn, Macabre, The Great Discord, Evil Invaders, Avven, For I am King, Transceatla, The Black Court. Newforces: Seven Spires, Overtures, Novacrow, Blood Ages, Amorgen, Firtan.

Mercoledì 26: sul Lemmy stage con Doro, Bloodbath, Abbath, Gutalax, Triosphere, Morywa.

SanctuarySul Boško Bursać Stage: Shining, Grave Digger, Cancer, Warbringer, The Foreshadowing, Doreduh, Crisix, Shotdown, SRD, Grime. Newforces: Greybeards, Vexovoid, Carnage Calligraphy, Sleepers’Guilt, Burn Fuse, Vasectomy.

Giovedì 17 il nome di punta del Lemmy stage è Opeth, preceduti da Blues Pills, Architects, Persefone, Kobra and The Lotus, Nemost. Sul Boško Bursać Stage: Sólstafir, Bömbers, Raven, Lik, Aversions Crown, Rectal Smegma, Angelus Apatrida, Pijn, Chontaraz, Gust. Newforces: Pikes Edge, Carrion, Immorgon, Zayn, Fir Bolg, Battlesword.

Venerdì 28 la chiusura per il Lemmy stage è con Heaven Shall Burn e prima: Pain, Equilibrium, Grand Magus, Hell, Mynded. Boško Bursać Stage: Death Angel, Sinister, Witchfynde, Katana, Spasm, Fit For an Autopsy, Ortega, Loathe, Implore, Tears of Martyr. Newforces: Pantaleon, Selfmachine, Pain is, Ebony Archways, Tyrmfar, Snake Eater.

 TYTUSgrime-band-2015

Elisa Russo, Il Piccolo 21 Luglio 2017

tolmin

Articoli consigliati